Browsing Category

Castagne

Castagne/ Dolci/ Senza categoria/ Torte/ Uvetta

Castagnaccio morbido – Facile veloce e buonissimo

Questa stagione non mi piace, l’autunno mi rende triste e il suo arrivo significa addio caldo!!! Ma in autunno ci sono anche tante cose buone da mangiare!!! Io amoooooo le castagneeeee!!! Mio papà ogni anno, fin da quando ero bambina, aspetta il momento giusto e carica la macchina di secchi, cesti e sacchetti per avventurarsi nei boschi alla ricerca di castagne. Ancora oggi aspetto con ansia quel momento e curiosa mi chiedo “quanti chili ne porterà a casa questa volta?” e i chili sono sempre tantissimi!!! Poi comincia la distribuzione a parenti e amici!!!!
Quest’anno purtroppo la tradizione della raccolta è saltata perchè gli acciacchi e soprattutto il mal di schiena non gli hanno permesso di abbassarsi ed alzarsi continuamente per raccogliere i frutti dal terreno…
Ma ci consoliamo con la farina di castagne biologica che ormai si trova ovunque e, come da richiesta del mio nonnino che voleva un castagnaccio bello morbido come quello che mia nonna gli comprava in panetteria… ecco che ifood nella veste di Chiara, corre in mio soccorso e mi passa una ricetta collaudata e precisa e il risultato è stato ottimo!!! Grazie di cuore Chiara!!! Ecco il mio castagnaccio:

20161118_110250-castagnaccio

CASTAGNACCIO MORBIDO E ALTO

Ingredienti (per una tortiera apribile da 22 cm)

300 gr di farina di castagne
350 ml di acqua
100 gr di uvetta
50 gr di pinoli
50 ml di olio EVO
Rosmarino

collage-1

Riempite una tazza d’acqua tiepida e mettetevi a mollo l’uvetta per una decina di minuti, in modo che si ammorbidisca.
Versate la farina di castagne in una ciotola, insieme a un pizzico di sale.
Unite lentamente l’acqua, mescolando bene con una frusta, per evitare la formazione di grumi – dovete ottenere un impasto omogeneo e non troppo liquido (simile alla pastella dei pancake), ma se fosse necessario unite altra acqua, un cucchiaio alla volta.
Aggiungete metà dell’olio (25 ml), metà dell’uvetta ben strizzata, metà dei pinoli e qualche ago di rosmarino.
Foderate di carta da forno il fondo di una tortiera da 22 cm, poi ungete con il resto dell’olio sia il fondo che i bordi.

collage-2Versate l’impasto nella teglia, cospargete la superficie con il resto dell’uvetta, dei pinoli e con gli aghi di rosmarino.
Infornate nel forno ben caldo a 200° per 30 minuti – dovrà risultare ben dorato in superficie – sopra deve formarsi una crosticina, ma dentro deve restare morbido.
Fatelo raffreddare su una griglia, poi servitelo.

20161118_110244-castagnaccio

Castagne/ Dolci/ Lievitati/ MTC/ Senza categoria

ROTOLO ALLE CASTAGNE FARCITO CON CREMA DI CASTAGNE

Qui piove anzi diluvia, ci sono
dei lampi talmente grandi che illuminano le vie… e i tuoni spaccano i timpani e
spaventano… Io ho paura del temporale… Ho sempre avuto paura di stare a casa da
sola mentre fuori tuona… E adesso sono qui sola, tutta infagottata, a scrivere
questo post… Per di più Luca sta tornando in aereo da Roma e non mi piace per
niente…

Ma devo distrarmi assolutamente e
per questo, pubblico adesso la ricetta per l’MTC di Novembre.
Le castagne sono per me una droga
vera e propria… io non riesco a fermarmi quando inizio a mangiarle vado avanti
finchè non le finisco, specialmente le caldarroste!!! Il giorno dopo
puntualmente mi fa male il pancino ma non importa, ricomincerei subito a
mangiarle!!!! Immagino che sia così per molti!!!!!
Dunque, come sapete amo fare
dolci quindi, dato che le regole della sfida permettono di scegliere una qualsiasi
portata contenente le castagne, ovviamente mi catapulto sul dolce!!!!
Ho preparato un rotolo, sofficissimo
e che richiama un po’ il Natale, un rotolo che contiene nell’impasto la farina
di castagne ed è farcito con crema di castagne, una goduriaaaaaa!!!!!!
 ROTOLO ALLE CASTAGNE
Ingredienti x il rotolo:
50 gr di farina di castagne
50 gr di fecola di patate
2 cucchiaini di cacao amaro
110 gr di zucchero
3 uova medie
1 cucchiaino colmo di lievito per
dolci
Zucchero a velo per decorare
Ingredienti per la crema di
castagne:
200 gr di farina di castagne
100 gr di zucchero a velo
Mezzo litro d’acqua
Una bustina di vanillina
Procedimento:
Prima di tutto prepariamo la
crema di castagne: Mettete in una terrina la farina di castagne, lo zucchero a
velo e la vanillina e mescolate.
Mettete a bollire l’acqua e
versate gli ingredienti secchi poco alla volta continuando a girare con una
frusta e cercando di non far formare grumi. Se ci fossero potete frullarli con
un minipimmer .
Preparate il rotolo: montate le
uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e cremoso.
A parte mescolate tra loro le
farine, il cacao e il lievito setacciati.
Aggiungete alle uova montate, le
farine, mescolando sempre dal basso verso l’alto per non smontare il composto.
Imburrate una teglia 25 x 30 cm e
ricopritela con carta forno.
Rovesciatevi l’impasto e
livellatelo con la spatola..
Cuocete in forno ventilato a 180
gradi per 10 minuti o fino a doratura (non deve cuocere troppo altrimenti si
seccherà e non sarà possibile arrotolarlo, deve essere appena dorato in
superficie).
Inumidite uno strofinaccio e
stendetelo sul tavolo, rovesciatevi sopra il rotolo, togliete delicatamente la
carta forno
Arrotolate l’impasto ancora caldo con il canovaccio umido al suo
interno. Lasciate raffreddare.
Una volta che il rotolo sarà
freddo, srotolatelo, farcitelo con la crema di castagne, richiudetelo e
spolverizzatelo con zucchero a velo.
 Con questa ricetta partecipo all’MTC di novembre:
http://www.mtchallenge.com/2013/11/mtc-n.-34-la-ricetta-della-sfida-%C3%A8.html
Castagne/ Dolci/ Senza categoria/ Torte/ Uvetta

Il castagnaccio… senza pinoli

Qualche giorno fa il mio nonnino mi attendeva gioioso davanti alla porta di casa dei miei genitori… la cosa mi ha resa sospettosa, lui di solito, quando io arrivo, è sempre seduto comodo sul suo divano, al buio, con la tele accesa e aspetta che io vada a salutarlo… ma questa volta era lì, con un gran sorriso stampato in  faccia… ed ecco che, dopo avermi dato un bacione sulla guancia mi chiede: “Cosa si può fare con la farina di castagne?” e io rispondo “Un sacco di cose! Perchè?” e lui “Visto che ti piace fare dolci, magari potevi prepararmi qualcosa… Ho comprato la farina di castagne oggi al supermercato”, ma io sapevo già dove voleva andare a parare: lui voleva il castagnaccio!!!! Ma non osava chiedere! 
Quando la mia nonnina era ancora con noi, quindi fino all’anno scorso, in questo periodo dell’anno, facevano scorpacciate di castagnaccio, fino a farsi venire la nausea!!! Ma era la mia nonna ad occuparsi di tutto, ed ora lui si sente sperduto e quando vuole qualcosa ha difficoltà a chiederla… 
Comunque, gli dico “Nonno, se vuoi ti faccio il castagnaccio, ma senza pinoli, perchè a casa non li ho”, lui tutto felice, cercando di nascondere il suo entusiasmo mi risponde: “Quello che mangiavamo io e la nonna non aveva i pinoli!!! Un piccolissimo sacchettino di pinoli costa 7 euro!!! Metti solo l’uvetta!!! Non dobbiamo mica fare un mutuo per mangiare il castagnaccio!!!!!”
Giusto nonno, hai proprio ragione!!!!!
Io sono tornata a casa e mi sono messa subito all’opera. Alle 21:20 suonavo il campanello e consegnavo al mio nonnino un bel piatto con al centro il suo castagnaccio senza pinoli!!! Aveva già tolto i denti e se li è rimessi subito perchè non poteva aspettare, doveva mangiarlo subito!!!!
L’indomani, l’aveva già finito!!!! 
E’ bello accorgersi che, basta veramente poco per far felice chi ami….
Ecco la ricetta:

IL CASTAGNACCIO… SENZA PINOLI

Ingredienti:
250 gr di farina di castagne
350 ml di latte freddo
2 cucchiai di olio EVO
150 gr di uvetta
1 cucchiaino di sale

Procedimento:
Mettete in una bacinella (o nella planetaria) la farina di castagne, iniziate a mescolare con la frusta e senza smettere, versate poco alla volta il latte freddo (non devono esserci grumi).
Aggiungete l’uvetta e mescolate.
Poi il sale e l’olio, continuando a mescolare.
Ungete con olio EVO una teglia rotonda da 24 cm di diametro. Versateci il composto e infornate a 200 gradi per circa 45 minuti o finchè vedrete formarsi delle crepe sulla superficie.
L’interno del dolce deve essere umido e morbido, poi si indurirà durante il raffreddamento.

Inoltre vi rinnovo l’invito alla mia sfida mensile dedicata ai dolci:

CONSIGLIA Budini di cous cous con mousse al cioccolato