Spezzatino di maiale e peperoni con crema di gorgonzola & Panini con farina di riso nero

Ormai l’appuntamento mensile con
l’MTC è diventato un momento tanto atteso qui a casa nostra!!!!

Lo spezzatino è l’argomento di
Gennaio e ovviamente, trattandosi di secondi piatti, il mio maritino era al
settimo cielo ed ha voluto partecipare attivamente alla realizzazione della
ricetta!!!

A noi piace sperimentare, provare
abbinamenti che non sono consueti, e di solito lo facciamo la domenica, giorno
in cui riusciamo a stare insieme e a dedicarci a noi.

Questa volta siamo soddisfatti
del risultato e credo proprio che questa ricetta la ri-proporremo agli amici.

Abbiamo scelto di utilizzare la
carne di maiale, accompagnata da peperoni rossi e vino rosso, con una “guarnizione
finale” a base di gorgonzola… da leccarsi i baffi!!!!! E per fare la
scarpetta?????  Dei golosi panini con
farina di riso nero!!! Tutti prodotti della nostra zona: gorgonzola e riso nero
provengono dalla provincia di Novara, in cui abitiamo.

Insomma, fidatevi, era tutto
buonissimo!!!!!

SPEZZATINO DI MAIALE E PEPERONI CON CREMA DI
GORGONZOLA

Ingredienti:

700
gr di lonza di maiale

2
bicchieri di vino rosso

2
peperoni rossi

Mezza
cipolla rossa

Olio
EVO

100
gr di gorgonzola dolce

Un
rametto di rosmarino

Sale
e pepe

Procedimento:

La
sera prima, tagliate a cubetti la lonza di maiale e mettete a marinare tutta la
notte nel vino rosso con un rametto di rosmarino e un pizzico di pepe.

L’indomani
vedrete che la carne avrà assorbito gran parte del vino.

In una casseruola in ghisa, preparate
un soffritto con olio e cipolla, poi rosolate la carne su ogni lato.

Aggiungete
i peperoni lavati e tagliati a pezzetti. Lasciate cuocere per 10 minuti poi
aggiungete il vino avanzato dopo la marinatura della carne e fate sfumare.

Lasciate
cuocere a fuoco lento con coperchio per un’altra ora circa.

A
cottura ultimata lasciate riposare per far asciugare il tutto, poi tagliate il gorgonzola
a pezzetti, riaccendete il fuoco e lasciatelo sciogliere sulla carne,
mescolando affinchè si amalgami con il resto del condimento. Lo spezzatino è
pronto!!!
Ed ora, per non lasciare niente nel piatto, prepariamo un buon pane per fare la scarpetta!!!!!

 
PANINI
CON FARINA DI RISO NERO

Ingredienti:

200
gr di farina di riso nero

300
gr di farina manitoba

12
gr di lievito di birra fresco (mezzo cubetto)

150
gr di acqua

150
gr di latte

12
gr di sale

1
cucchiaino di miele

2
cucchiai di olio EVO

Procedimento:

Innanzitutto
preparate la farina di riso tritando in un mixer il riso nero. Passate al
setaccio e rimettete nel mixer i chicchi rimasti troppo grandi.

Mettete
il lievito a bagno nell’acqua tiepida con un cucchiaino di miele.

Mischiate
la farina di riso con la manitoba, aggiungete il sale.

Inserite
anche il latte tiepido, l’acqua col lievito e 2 cucchiai d’olio EVO.

Impastate
in planetaria col gancio. L’impasto risulterà piuttosto umido in quanto la
farina di riso assorbe molta acqua.

Mettete
a lievitare in forno spento con la luce accesa, per circa 2/3 ore coperto da
pellicola.

Riprendete
l’impasto, ungetevi le mani di olio (altrimenti l’impasto molle si attaccherà
alle mani), e formate 8 palle che appoggerete su una teglia da forno ricoperta
da carta forno.

Disegnate
sulla superficie una croce col coltello e spolverizzate con un po’ di farina.

Cuocete
in forno a 180 gradi per 20 minuti.
Con questa ricetta partecipo all’MTC di Gennaio
http://www.mtchallenge.it/2014/01/mtc-n-35-la-ricetta-della-sfida-di.html
   

LE RAVIOLE DEL PLIN AL BRASATO DI BARBERA

Eccomi qui, dopo una bella pausa. 
Dopo il mio matrimonio e il viaggio di nozze ci siamo fatti un’altra vacanzina in Salento e al rientro è iniziata la maratona per l’organizzazione dell’addio al celibato e al nubilato del mio fratellino e della mia cognatina. Sabato scorso mio fratello si è sposato!!! Che emozione!!!! 
Vederlo elegantissimo, rigido per la paura ma allo stesso tempo felice, con gli occhi che brillavano dalla gioia, è stato meraviglioso!!! Sono proprio contenta che tutto sia andato bene, che il tempo li abbia assistiti e che nulla sia andato storto!!! Adesso i miei genitori ci hanno sistemati e possono cominciare a pensare a sè stessi!!!!
Come potete capire ho avuto da fare durante la mia assenza dal blog!!!
Oltre a queste cose, ho un progetto in corso che mi riempie le serate, una cosa a cui tengo moltissimo e che però mi tiene lontana da voi più del previsto. Ma ripeto: non lascio il mio blogghino!!!
E il mio rientro è dedicato all’MTC che, grazie ad Elisa, questo mese mi ha permesso di preparare i miei adorati ravioli del plin!!! Sono Piemontese e pertanto li adoro!!!!!
Per rispettare le mie origini ho voluto utilizzare un condimento che non si discostasse troppo dall’originale e che comprendesse ingredienti regionali. Ho farcito e condito le raviole con un buon brasato di manzo al Barbera…. Un accoppiamento ben riuscito!!! Finiti in un battibaleno!!!
Per la ricetta della pasta fresca e per il procedimento di chiusura mi sono affidata alle istruzioni di Elisa. Ecco le mie raviole:

RAVIOLE DEL PLIN AL BRASATO DI BARBERA

Ingredienti per la sfoglia:
200 g di farina di grano tenero 0
1 uovo intero (grande)
2 tuorli (grandi)

Ingredienti per ripieno e condimento:
1Kg di polpa di manzo
1 litro di vino Barbera
Una cipolla
3 carote grandi
Mezzo spicchio d’aglio
50gr di burro
Olio EVO
Mezzo dado di carne
Pepe nero
Formaggio grattugiato
1 uovo

Procedimento:
Tagliate a rondelle le carote e sminuzzate la cipolla e l’aglio.
In una pentola antiaderente a bordi alti mettete a soffriggere il burro e l’olio EVO, aggiungendo mezzo dado.
Prendete la carne, asciugatela con carta assorbente e adagiatela nel
tegame, giratela più volte in modo che “prenda colore” su ogni lato.
A questo punto versate nel tegame anche le cipolle, l’aglio e le carote;
fatele rosolare per 10 minuti affinchè le carote possano iniziare ad
ammorbidirsi.
Trascorso il tempo indicato, ricoprite la carne con un litro di vino
Barbera (che ha un sapore molto intenso) ed un bicchiere d’acqua.
Insaporite con del pepe nero.
Lasciate cuocere a fuoco lento, coprendo con un coperchio, per 2 ore girando la carne ogni 30 minuti.
Terminata la cottura riponete la carne in un piatto da portata e tagliatela a fette.
Mettete la carne spezzettata in un frullatore, aggiungete un po’ del liquido rimasto nella pentola, un uovo e del formaggio grattugiato, tritate tutto: il ripieno per i ravioli è pronto!
Preparate la pasta: Mettere la farina a fontana e rompervi all’interno le uova. Mescolare le
uova e la farina partendo dall’interno e incorporando poco per volta la
farina. Impastare per una decina di minuti con i palmi delle mani finché si ottiene un composto liscio e compatto. Coprire con
pellicola alimentare e far riposare per una trentina di minuti.
Tagliare pezzi di pasta e, con l’apposita la macchinetta, tirarla molto sottile:

Con l’aiuto di uno o due cucchiaini formare delle piccole palline di
ripieno (grosse all’incirca come delle nocciole) e disporle sulla
sfoglia, a poca distanza l’una dall’altra.
Piegare la sfoglia e pizzicare la pasta tra una pallina e l’altra. Dopodiché tagliare i ravioli con la rotella, partendo dalla
parte chiusa e muovendosi verso i due lembi sovrapposti. 
Una volta che le raviole saranno pronte, cuocetele in acqua salata e conditele con il sugo di brasato ottenuto passando al minipimmer il sughetto creatosi con la cottura del brasato. Deliziosi!!!
Con questa ricetta partecipo all’MTC di settembre:
A presto!!!
More

Pollo all’Enrica

Eccomi, ci sonoooooo!!!!
Pensavate che avessi lasciato il blog???? non ci penso nemmenooooo!!!!
Scusate per la mia assenza, sarò meno presente, come vi avevo già anticipato… sono fusa, disconnessa, fuori fase e non ho più tempo.
Tra un mese e un giorno mi sposerò, e voi immaginate che macello ho nella testa, vero???? I preparativi procedono, lentamente ma procedono, e ogni giorno c’è qualcosa da fare, ogni giorno un piccolo mattoncino si posiziona al suo posto e io mi sento sollevata ma, se tornassi indietro inizierei prima, ci siamo mossi troppo tardi e adesso stiamo diventando matti per fare in modo che tutto sia perfetto per quel giorno.
Per farvi capire vi dico che ho scelto il bouquet sabato, e ho detto domenica all’autista che vorrei che fosse lui ad accompagnarmi… qualche partecipazione è ancora nelle nostre mani e e e e e etc…. 
E mi dispiace che il blog ne risenta ma, sono certa che da luglio, quando anche il viaggio di nozze sarà finito, tornerò carica e grintosa a pubblicare con costanza!!!
Sappiate però che, nonostante la mia latitanza, vi seguo, tramite cellulare ricevo le mail delle vostre news e vi spio!!!!!
Quindi… vi lascio una ricetta gustosa e semplice, che per me in questo periodo è perfetta!!! E’ della Parodi e ve la consiglio vivamente.

POLLO ALL’ENRICA

Ingredienti (per persone) :
4 cosce di pollo con sottocoscia
Pane grattugiato
Burro qb
Olio

Procedimento:

Togliete la pelle alle cosce di pollo e mettetele a macerare in una bacinella piena di latte, io le ho lasciate a bagno per 2 ore.
Impanate le cosce con il pane grattugiato.
Adagiatele in una teglia ricoperta con carta da forno, salatele e disponete su ogni coscia un pezzo di burro.
Fate cuocere a 220 gradi per circa 40 minuti.
Consiglio: se vedete che si seccano troppo aprite il forno e aggiungete ancora un po’ di burro.
Un bacio amiche mie e a presto!
More

Chili con carne e peperoni accompagnato da fagioli piccanti e piadina

Questa volta è stata dura, più di tutte le altre sfide… L’MTC di Aprile, dedicato al Chili con carne mi ha insegnato cosa significa perdere completamente la sensibilità in bocca!!!
Ragazze, quel po po di peperoncini mi ha devastata!!!!! Buono, nulla da dire ma… che fatica riuscire a sentire il gusto fino alla fine del pasto!!! E io ho avuto anche la bella idea di preparare, come contorno, dei fagioli piccanti!!! Sono una furbona!!! Ad un certo punto mi sono ingozzata di piadina per recuperare la mia lingua!!!
Il problema è che non sono abituata a mangiare così piccante!!!!
Ma, a parte tutto ciò, è stata come sempre una bella prova, un modo per testare nuove ricette, per provare sapori inusuali e per scoprire i piatti delle varie tradizioni.
La mia ricetta prevede, oltre alla carne, l’utilizzo dei peperoni, rossi e gialli, che trovo si abbinino perfettamente, perchè conferiscono un sapore intenso e gradevole al piatto.
L’idea dei fagioli piccanti mi è venuta per restare in tema con l’oggetto della sfida “il peperoncino”, e la piadina, nonostante sia un “pane” assolutamente italiano, non stonava affatto!!!
Ma ora, bando alle ciance, ecco la mia versione:

CHILI CON CARNE E PEPERONI
Ingredienti per il chili:
1,5 Kg di polpa manzo tagliata a piccoli cubetti
5 peperoni (3 gialli e 2 rossi)
8 peperoncini calabresi 
Sale
Coriandolo
Origano
Ingredienti per i fagioli piccanti:
500 gr di fagioli rossi freschi
Mezza cipolla rossa
Mezzo spicchio d’aglio
Un cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro
2 peperoncini calabresi
Sale
Pepe
Ingredienti per la piadina:
500gr di farina 00

50gr di strutto
250ml di latte
12gr di sale
1 bustina di lievito x dolci

1 cucchiaino di miele

Procedimento:

Spezzettate i peperoncini secchi scuotendone fuori i semi (da eliminare)
e mettete i pezzi in una ciotola, coprite i peperoncini di acqua
bollente e lasciate in infusione per almeno 2 ore.
Lavate i peperoni e fateli scottare in forno per 10 minuti per rendere la pelle più semplice da togliere.
Spellate i peperoni, puliteli e tagliateli a listelle.
Frullate i peperoncini con l’acqua di infusione fino ad ottenere una pasta
leggermente densa. Passatela da un setaccio fine  in modo da eliminare
ogni residuo di pellicine, recuperando quanta piu’ polpa possibile.
Frullate anche i peperoni, lasciandone da parte un po’ (una decina di listelle) e unite la salsa ottenuta al composto di peperoncini.
Mettete la carne e la salsa in una pentola di ghisa, coccio o acciaio
pesante, regolate di sale, aggiungete le spezie e mescolate bene. Fate cuocere coperto
(lasciate una piccolissima fessura perche’ possa uscire il vapore) a
calore dolcissimo per circa 3 ore, controllando ogni tanto. Non e’
necessario far rosolare la carne perche’ il calore forte che sarebbe
necessario ne irrigidisce le fibre, rendendola poi piu’ dura da
cuocere. 
10 minuti prima della fine, aggiungete le listelle di peperone che avevate lasciato da parte.
Prepariamo il contorno: fate lessare i fagioli in acqua per circa 45 minuti, scolateli e metteteli da parte.
In una padella antiaderente preparate un soffritto con mezza cipolla, mezzo spicchio d’aglio, 2 peperoncini aperti, compresi i semini al loro interno.
Versate i fagioli nella pentola, aggiungete mezzo bicchiere d’acqua calda in cui avrete ben sciolto il concentrato di pomodoro.
Aggiustate di sale e pepe e lasciate cuocere finchè i liquidi diventeranno abbastanza densi.
Prepariamo la piadina (ricetta custodita gelosamente e di cui ringrazio Tiziana):
In una ciotola mettete la farina setacciata con il lievito.
Fate un buco al centro e versateci il latte tiepido, aggiungete il sale e il miele.
Impastate con una forchetta e, quando possibile, continuate con le mani.
L’impasto dovrà essere morbido.
Lasciatelo riposare per 15 minuti (io l’ho lasciato un’ora).
Dividete l’impasto in palline, io ne ho fatte 6, e appiattitele.
Stendetele una ad una con un mattarello.
Io le ho cotte in una padella per crepes antiaderente per 5 minuti l’una, girandole una volta per lato.

Con questa ricetta partecipo all’ MTC di Aprile

Cordon Bleu e… una novità!

Buongiorno amiche! 
Ho una grande novità, non ve l’avevo ancora detto perchè non tutti ne erano a conoscenza ma adesso ormai posso comunicarlo: MI SPOSO!
E’ vero, il matrimonio non è mai stato al centro dei miei pensieri, non ne ho mai sentito la necessità. Sono fidanzata da 14 anni, ho vissuto sola per 4 anni e convivo con Luca da 2 anni… per noi la convivenza era sufficiente, non abbiamo mai parlato di matrimonio perchè fondamentalmente per noi non cambiava nulla ma, un bel giorno Luca viene da me e mi dice: PERCHÈ NON CI SPOSIAMO? e da questa domanda è nato tutto… in modo semplice, senza effetti speciali, senza troppa pianificazione… e la data? Il giorno 8 Giugno 2013 saremo marito e moglie… Considerando che l’abbiamo comunicato alle nostre famiglie a Natale, i tempi sono stretti e per il momento abbiamo solo prenotato il ristorante!!!! Manca tutto il resto!!! Domani andrò per la prima volta a provare gli abiti da sposa!!!
Sarà un rito civile, possibilmente all’aperto, in stile americano.
E pensare che non l’avrei mai detto!!! Invece adesso sono al settimo cielo!!!!! L’uomo più importante della mia vita diventerà presto mio marito, THAT’S INCREDIBLE!!!!!
Adesso i miei post diventeranno forse un po’ noiosi perchè, ho in testa solo questo!!!! Ma non vi preoccupate, non smetterò di cucinare!!! E’ un ottimo antistress!!!
Infatti oggi parliamo di una ricetta semplice ma che io realizzo a modo mio: i Cordon bleu. Quelli classici sono fatti con il petto di pollo e hanno un ripieno di prosciutto e sottiletta, io li ho resi più saporiti utilizzando la mia amata lonza di maiale e un ripieno di prosciutto e fontina.
Provateli!!! Sono veloci e gustosi!

CORDON BLEU

Ingredienti:
4 fettine di lonza di maiale
1 Hg di prosciutto cotto di qualità
Fontina qb
1 uovo
Pane grattugiato
Olio di semi

Procedimento:

Battete le fettine con il batticarne e rendetele più grandi possibile.
Disponete una fetta di prosciutto e qualche pezzo di fontina tagliato fine, su metà della fetta.
Ripiegate la seconda metà di carne sulla prima in modo da chiudere il ripieno all’interno. Cercate di lasciare liberi i bordi altrimenti il ripieno rischierà di fuoriuscire in cottura.
In una ciotola sbattete l’uovo con un pizzico di sale.
Passate i cordon bleu nell’uovo sbattuto coprendo bene tutti i lati.
Impanate con il pane grattugiato.
In una padella antiaderente friggete con abbondante olio a fuoco basso altrimenti bruceranno.
Passateli nella carta assorbente e servite!
Buona serata!
More
CONSIGLIA Frittata di spinaci